Home // Autore

PSEUDONIMO

Ho scelto lo pseudonimo John D. Smith per unire due miti: Doctor Who perché il dottore si fa chiamare John Smith, e ONE PIECE per la “D” nei nomi di alcuni personaggi, Portuguese D. Ace , Monkey D. Rufy, Gol D. Roger.

Non ho scelto il mio vero nome perché preferisco che rimanga anonimo.

LA MIA GIORNATA

Non c’è niente di più bello che svegliarsi con il suono delle onde del mare. L’odore di iodio entra nella stanza sospinto dal vento rinfrescante del primo mattino. Esco sulla terrazza e osservo il panorama. Il sole sta per sorgere e sparge i suoi raggi sul mare con riflessi scintillanti come pietre preziose. Ci sono due gabbiani che silenziosi planano fino a posarsi sulla sabbia fine.

Una volta sveglio mi vesto, prendo il mio cronometro e inizio a correre sulla spiaggia. Le onde accarezzano il bagnasciuga con un rumore delicato e dei passerotti saltellano tra le sdraio e gli ombrelloni in cerca di briciole. Gli ultimi cinque minuti mi tolgo le scarpe per sentire prima la sabbia sotto i piedi e poi l’acqua fresca del mare.

Finita la corsa faccio colazione con caffè appena fatto e brioche fresche prese dal fornaio ancora prima che aprisse, appena sfornate e ancora calde, così morbide e così ben farcite che mi dico: è valsa la pena alzarsi presto.

Dopo una doccia rigenerante vado nel mio studio con vista sul mare e inizio a scrivere e così mi perdo in mondi fantastici finchè sento gli odori del ristorante vicino che cucina i primi piatti della giornata: pennette al salmone, pesce alla griglia e un dessert alla frutta. Dopo pranzo mi concedo un riposino per riprendere energie e dopo un succo di frutta mi immergo nei libri in casa o in spiaggia fino alla cena. Ristorante affacciato sul mare e passeggiata tra i negozi della città, e ringrazio la donna della mia vita per essere stata con me tutta la giornata.

LA MIA GIORNATA DAVVERO

Non c’è niente di più brutto che svegliarsi con il suono di vetri infranti. Il netturbino che ritira il vetro sembra quasi che ci trovi gusto a svuotare i contenitori nella grande cesta del camion così da amplificare il suono per tutta la via. Rimango con gli occhi spalancati per dieci minuti, il tempo che il netturbino finisca l’intero isolato e finalmente ritorno a dormire.

Quando apro gli occhi mi accorgo di non aver sentito la sveglia allora colazione veloce con brioche e caffè riscaldati al microonde. Poi in auto fino al lavoro, tra traffico, clacson e gente che urla contro altri automobilisti. A pranzo qualcosa di veloce preparato la sera prima e riscaldato al microonde e poi si riprende fino a sera.

La doccia è una delle cose più belle della giornata, poi cucino e mangio con la donna della mia vita parlando e ridendo con serie tv o film cercando di resistere al sonno almeno fino a un orario che sia più tardi delle dieci. Prima di andare a letto cerco la forza di scrivere o leggere almeno un pochino ma lo stress della giornata e la stanchezza mi fanno rimandare tutto al week end con mio grosso rammarico. E prima di addormentarmi ringrazio la donna della mia vita perché senza di lei questa giornata, come tutte le altre sarebbe stata ancora più difficile.

Warchess Cosplay

Warchess e Libri

SPONSOR

geek ok
pubblicità-ghibli
pubblicità ok e definitiva

I Nostri Articoli del Mese

Cerca Facile per Categoria

Seguici su Twitter

"Error code 89: Invalid or expired token."
Copyright Warchess inc. - info@warchess.it - Magazine online - Allegato